Categoria: Il paese

0

Inaugurazione della “ripulita” Fonte di Galiziano

Potenza Picena Domenica 3 Agosto 2008 ore 18,00 ••• Inaugurazione della “ripulita” Fonte di Galiziano Tutti i cittadini sono invitati a partecipare per sostenere il progetto di restauro e valorizzazione di questo importante monumento della tradizione storica di Monte Santo.

0

Chi l’ha visti?

In data 11 Ottobre 2003 la Signora Elena Domenichini ha donato al Comune di Potenza Picena due importanti opere del padre Giuseppe, emigrato da Potenza Picena in Argentina nel 1913 insieme a tutta la sua famiglia, ed affermatosi in quella nazione come uno dei più importanti artisti. Si trattava di un olio su tela “Ritratto di mio padre” del 1927, prima opera dell’artista, premiata con medaglia d’onore alla Esposizione organizzata dalla Società degli artisti classici di Santa Fe, e di un acquerello temperato su cartoncino “La mia casa natale” del 1967, raffigurante la casa dove lui era nato il 14...

1

“Le Fontanelle” – Ieri parco della “Rimembranza” oggi parco della “dimenticanza” storica e del cemento

I lavori di sistemazione del Parco delle Fontanelle, in via Lodovico Scarfiotti, con la creazione di una pista di skate dove in precedenza era stata costruita in maniera infelice una pista di pattinaggio, stanno stravolgendo completamente la originaria fisionomia del luogo, rimasto per tanti secoli “selvaggio” e naturale, oggi quasi completamente occupato dal cemento. Questo spazio, chiamato anticamente Mercato di S. Francesco oppure orto “Coccioni”, era stato tenuto sempre sodivo, non coltivato, proprio per evitare danneggiamenti alla cinta muraria medioevale presente nella zona. Solo nel 1923 è stato scelto per ospitare il Parco della Rimembranza, a ricordo dei caduti santesi...

0

Vasca termale di epoca romana

Il giorno venerdì 18 aprile 2008 l’Ufficio Tecnico Comunale ha finalmente trasferito la vasca termale di epoca romana dal deposito di via XXX Giugno all’atrio della Fototeca Comunale “Bruno Grandinetti” di Corso Vittorio Emanuele II. In questo modo si conclude felicemente una vicenda iniziata il 10 marzo 1998, quando grazie all’intuito e all’intelligenza di Bruno Grandinetti, fu ritrovato questo antico reperto archeologico, insieme al sipario dedicato a Minerva del Teatro “Bruno Mugellini”, abbandonato nel deposito comunale di Via XXX Giugno e dimenticato da tutti. Dopo il recupero, il restauro e la collocazione del sipario all’interno del Teatro, con la valorizzazione...