Professore Umberto Boccabianca, donati dai nipoti al Comune di Potenza Picena 4 documenti originali

Onofri Paolo

Autore di quasi tutti gli articoli del blog, si dedica spesso alla ricerca storica.

Potrebbero interessarti anche...

4 Risposte

  1. Gaetano Monsù ha detto:

    Un appello a chi possa darmi ulteriori notizie di Olivia Monsù, citata nell’articolo. Qualsiasi cosa… Il mio indirizzo e-mail : presidente@infermierirg.it

    • Onofri Paolo ha detto:

      Egregio Sig, Gaetano,
      grazie per il suo intervento.
      La Sig.ra Oliva (e non Olivia) Monsù, moglie del Prof. Umberto Boccabianca, era figlia di Erminio Monsù, muratore e di Eufrosina Bocci, ed era nata a Potenza Picena il 18/12/1880.
      Oliva aveva un fratello ed una sorella. Antonio Monsù nato a Potenza Picena il 5/4/1890 ed emigrato in Argentina e Florinda Monsù, nata a Potenza Picena il 4/4/1893.

      Continui a seguire il nostro lavoro.

      Cordiali Saluti.

  2. archimede ha detto:

    Carissimo Paolo, molti hanno scritto del Prof. Boccabianca anche notizie di cui non ero a conoscenza ma nessuno a mai accennato della sua appartenenza alla Libera Muratoria Universale. Molte sono state le sue opere d’arte ispirate alla Massoneria (puntale di bandiera in bronzo, progetto di cancellata in ferro battuto con spighe di grano e melograni, porta aste con squadra e compasso ecc.) Vorrei sapere dove poter trovare queste opere sopra menzionate.

    • Onofri Paolo ha detto:

      Grazie per gli interventi.
      Per quanto riguarda il Prof. Umberto Boccabianca, avendo riordinato tutto il materiale della Scuola d’arte “Ambrogio della Robbia” che si è salvato, non ho trovato alcun riferimento ad opere d’arte ispirate alla massoneria che erano presenti nella scuola di Potenza Picena. Si tratta di 3498 disegni, 180 oggetti in terracotta, creta, scaiola e legno, oltre che diversi oggetti in ferro battuto, eseguiti dagli allievi, ragazzi e ragazze, in tutto il Novecento.
      L’unico oggetto riconducibile probabilmente alla Massoneria che è conservato presso la nostra struttura, è la punta in metallo di un’asta di bandiera, dove si notano alcuni elementi caratteristici delle Logge (un compasso, una squadra e una riga). Comunque sull’appartenenza del Prof. U. Bocabianca ad una loggia Massonica nel passato non ne ha parlato mai nessuno.
      Tu sulla base di quali documenti affermi che apparteneva alla Libera Muratoria Universale?
      Comunque quando mi capita di incontrarlo, cercherò di chiedere un chiarimento al nipote di U. Boccabianca, Nazzareno Pierandrei, che vive a Recanati ma viene spesso a Potenza Picena.

      Saluti.

      P.S.: tutti i disegni e gli oggetti della scuola d’Arte sono oggi conservati nei Locali della Biblioteca Comunale di via Trento e possono essere visionati da chiunque durante l’orario di apertura della struttura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *