Salviamo l’antica Fontanella di Via S. Giovanni dalla “modernizzazione”

Onofri Paolo

Autore di quasi tutti gli articoli del blog, si dedica spesso alla ricerca storica.

Potrebbero interessarti anche...

6 Risposte

  1. Picus Viridis ha detto:

    La fontanella non c’è più…! così dopo tanti anni di presenza ( si, perchè sembrava come una persona che vigilava all’ingresso del paese ), se ne va silenziosa come lo era stata da tempo. Era lì e non ti sentivi mai solo, anche quando passavi la sera d’inverno a fare quattro passi in via San Giovanni.

  2. Picus Viridis ha detto:

    Le fontanelle…adesso sono tutte uguali !…mah!!!… prima ognuna era diversa e potevi anche fermarti a guardarle per osservare qualche particolare. Oggi passerò e non credo che mi volterò più.

  3. Picus Viridis ha detto:

    Ho notato l’altro giorno che alla base della fontanella di via San Giovanni c’è già la ruggine, credo che ad un mese circa dalla sua costruzione, ci sia da fare un restauro!!!

  4. Maria Granati ha detto:

    Ciao Paolo, grazie a Gianfranco che mi ha mandato il link posso aprire il tuo blog, ho iniziato a guardare, simpatico e interessante! Ma chi è Picus viridis? In questo periodo, stimolata dalla mostra di Matelica sugli antichi Piceni sto studiando quel periodo, tra età del ferro e conquiste romane (primo millennio A.c). Piceni da Picus, dio o uccello oracolare, (Picus martius), come dicono alcuni storici antichi o altre etimologie più moderne?
    Ci sentiamo presto. Ciao
    Maria Granati

  5. Maria Granati ha detto:

    Precisando la mia domanda precedente, Picus viridis, che scrive commenti, è un’associazione?

    • Onofri Paolo ha detto:

      Ciao Maria,
      innanzitutto ti voglio ringraziare sia per aver consultato il mio blog, che per il giudizio nel merito.
      Questa esperienza, iniziata per caso nel mese di maggio 2008, si sta trasformando per me in una grande opportunità di far conoscere a tanti cittadini di Potenza Picena e non solo, la storia, la cultura, la tradizione ed i personaggi importanti di Monte Santo.
      Per quanto riguarda Picus Viridis, premetto che non è un’associazione locale, ma bensì un simpatico pseudonimo di un attento cittadino che segue con interesse il mio blog, pur non volendo fornire le sue generalità.
      Continua a seguire il blog che verrà in continuazione arricchito con altre iniziative molto interessanti (non perdere le puntate successive della storia dell’insigne collegiata di S. Stefano in Monte Santo di Mons. Giovanni Cotognini, documento storico veramente eccezionale, la cui seconda puntata uscirà sabato 28 febbraio 2009 e tratterà anche la visita di Papa Pio IX al Porto di Monte Santo del 16 Maggio 1856.
      A presto e salutami anche Saverio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *