Fonte di Galiziano – Raccolte 525 firme per chiedere il restauro e la sua valorizzazione

Onofri Paolo

Autore di quasi tutti gli articoli del blog, si dedica spesso alla ricerca storica.

Potrebbero interessarti anche...

2 Risposte

  1. lino palanca ha detto:

    Potreste spiegarmi a chi o a che cosa fa riferimento il toponimo GALIZIANO riferito alla fonte omonima?
    Grazie.

    • Onofri Paolo ha detto:

      Il toponimo “Galiziano” o “Galazzano”, come viene chiamato nello statuto comunale del 1441 approvato dal Pontefice Eugenio IV, riferito alla fonte omonima, prende il nome dalla contrada in cui è collocato il manufatto, appunto Galazzano, dove esisteva anche un fosso con questo nome, posto in prossimità della porta medioevale d’ingresso al centro storico, chiamata anche questa Galiziano o Galazzano. Secondo il Dott. Roberto Domenichini e Don Vincenzo Galiè “il nome sembra che derivi da un rivo o fosso così denominato, sul cui corso è stata costruita la fonte omonima, utilizzata nei secoli passati come lavatoio e per abbeverare uomini e animali”.
      Secondo la tradizione popolare che si è tramandata nei secoli, dalla Porta Galiziano o Galazzano partivano i pellegrini diretti a San Giacomo di Compostela in Galizia e da quì il nome Galiziano (notizia riportata da Don Vincenzo Galiè nel libro “Da Potentia a Monte Santo a Potenza Picena” del 1992).
      Secondo l’Architetto Elisabetta Menghini di Potenza Picena che sulle fonti storiche di Monte Santo ha svolto un approfondito studio, il toponimo Galiziano o Galazzano deriva “dal termine di origine greca che sta ad indicare il colore lattiginoso dell’acqua”.
      Sperando di essere stato utile, la ringrazio per il suo intervento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *